ANA Sezione Valdostana

Vai ai contenuti
Aggiornato il 01 agosto 2021

                                                                                                                  
        Associazione Storico Culturale
                    J'Amis del Quart
Valdostani in Grigioverde dal 1872 al 1945
               -Alpini e altri corpi-

 Coro "MONTE CERVINO"
A.N.A. Sezione Valdostana

IL CDN IN VALLE D'AOSTA
il 18 e 19 giugno 2021 il Consiglio Direttivo Nazionale terrà, per la prima volta, in Valle d'Aosta la sua riunione mensile. Per la nostra Sezione è un grandissimo onore.
Questo incontro avrebbe dovuto tenersi nel marzo 2020 ma a causa della pandemia non fu possibile per cui da rinvio a rinvio siamo arrivati ad oggi.
La riunione del Consiglio si terrà al Pavillon (Courmayeur) perché la Sky Way ci ha omaggiato della salita e della sala del convegno.
In un clima di grande commozione, per l’improvvisa morte di Giuseppe Parazzini, Presidente Emerito dell’Associazione Nazionale Alpini, si sono aperti a Courmayeur i lavori del Consiglio Nazionale dell’Ana. Il Presidente Sebastiano Favero, visibilmente provato, ha iniziato il suo ricordo dell’Amico: “ Ci sono notizie alle quali il cuore e la mente si ribellano. I suoi consigli e la sua onestà intellettuale di Alpino autentico sono stati un prezioso viatico anche nel mio attuale servizio come Presidente della Famiglia Alpina. Non potremo mai dimenticare la sua strenua battaglia contro la sospensione della leva e la sofferta passione con cui ha sempre cercato il bene dell’Ana. “Un’immagine forte, che tutti noi Alpini non dimenticheremo mai, è la sua figura avvolta nel Tricolore, sicura nella fierezza dei suoi principi e dell’amore per l’Italia, mentre a Milano, dalla finestra della sua abitazione, veniva fatto bersaglio da chi dimostrava brutale disprezzo per la Patria ed i suoi simboli.! Beppe Parazzini aveva 76 anni ed aveva indossato il cappello con la penna nera per la prima volta nel 1969, alla Scuola Militare Alpina di Aosta. Un lungo raccoglimento è stato poi chiesto da Don Bruno Fasani, Direttore de l’Alpino. Mai la Preghiera dell’Alpino ha potuto essere così vicina e così in alto come in questa circostanza, accanto a quei simboli di Fede e di Amore che ne scandiscono il racconto! Il Consiglio Direttivo Nazionale, per la prima volta nella storia quasi centenaria della Sezione Valdostana, si è potuto svolgere in Valle d’Aosta e, grazie alla sensibile collaborazione con Sky Way, gli ospiti hanno potuto godere di un privilegio particolare che, senza dubbio, ha una valenza promozionale di grande rilievo per la nostra Regione e per la famiglia Alpina Valdostana guidata da Carlo Bionaz. Le Penne Nere si sono infatti riunite nell’Auditorium del Pavillon, poi, grazie alle favorevoli condizioni meteo, sono saliti tutti nello spettacolare Belvedere di Punta Helbronner. Il cielo leggermente velato non ha impedito che gli occhi si riempissero delle immagini del maestoso Monte Bianco.., della Cresta di Peuterey.. della Tour Ronde… del Dente del Gigante…. Cime, spigoli, vette, pareti che costituiscono uno straordinario patrimonio storico dell’alpinismo. Tutto questo è stato offerto ai massimi vertici dell’Ana da una Sky Way alla quale va il nostro ringraziamento! Tra i punti all’ordine del giorno non poteva mancare quello relativo alla situazione sanitaria attuale che richiede sempre una presenza costante ed attenta sul territorio. In tutta Italia operano migliaia di volontari che supportano, in una perfetta sinergia, le forze della Protezione Civile dell’Ana e quelle dell’Esercito. Un particolare riferimento è stato rivolto al Generale degli Alpini Francesco Paolo Figliuolo, la cui presenza ai vertici di un settore nevralgico come quello delle vaccinazioni, è motivo di grande orgoglio per gli Alpini. All’orizzonte ci sono alcune iniziative di carattere Nazionale che, con un importante coinvolgimento politico, potranno segnare un momento fondamentale per l’Associazione. Ma è ancora prematuro entrare nei dettagli. Durante la permanenza nella nostra Regione c’è stato anche lo spazio per un incontro istituzionale con il Presidente del Governo Valdostano, Erik Lavevaz, un alpino ma questa volta senza il cappello e con Matteo Spreafico, Generale Comandante del Centro Addestramento. Entrambi hanno ribadito come la presenza di oltre 70 gruppi sul territorio Valdostano rappresenti una preziosa risorsa umana con la quale gli Alpini in Armi interagiscono e collaborano da sempre. Il Presidente Carlo Bionaz era visibilmente soddisfatto: “Sono stati due giorni molto intensi, preceduti peraltro da un lavoro di preparazione che i miei collaboratori hanno svolto con la solita solerzia ed efficacia. Grazie a loro tutti e al Gruppo di Courmayeur perché ancora una volta abbiamo dimostrato che per gli Alpini, non esiste l’impossibile.” A metà luglio una folta Delegazione andrà a Rimini per una attesa Assemblea Nazionale che fisserà i tempi e termini per la prossima Adunata Nazionale, in programma proprio nella città romagnola da giovedì 5 a domenica 8 maggio 2022.
Carlo GobboIn un clima di grande commozione, per l’improvvisa morte di Giuseppe Parazzini, Presidente Emerito dell’Associazione Nazionale Alpini, si sono aperti a Courmayeur i lavori del Consiglio Nazionale dell’Ana. Il Presidente Sebastiano Favero, visibilmente provato, ha iniziato il suo ricordo dell’Amico: “ Ci sono notizie alle quali il cuore e la mente si ribellano. I suoi consigli e la sua onestà intellettuale di Alpino autentico sono stati un prezioso viatico anche nel mio attuale servizio come Presidente della Famiglia Alpina. Non potremo mai dimenticare la sua strenua battaglia contro la sospensione della leva e la sofferta passione con cui ha sempre cercato il bene dell’Ana. “Un’immagine forte, che tutti noi Alpini non dimenticheremo mai, è la sua figura avvolta nel Tricolore, sicura nella fierezza dei suoi principi e dell’amore per l’Italia, mentre a Milano, dalla finestra della sua abitazione, veniva fatto bersaglio da chi dimostrava brutale disprezzo per la Patria ed i suoi simboli.! Beppe Parazzini aveva 76 anni ed aveva indossato il cappello con la penna nera per la prima volta nel 1969, alla Scuola Militare Alpina di Aosta. Un lungo raccoglimento è stato poi chiesto da Don Bruno Fasani, Direttore de l’Alpino. Mai la Preghiera dell’Alpino ha potuto essere così vicina e così in alto come in questa circostanza, accanto a quei simboli di Fede e di Amore che ne scandiscono il racconto! Il Consiglio Direttivo Nazionale, per la prima volta nella storia quasi centenaria della Sezione Valdostana, si è potuto svolgere in Valle d’Aosta e, grazie alla sensibile collaborazione con Sky Way, gli ospiti hanno potuto godere di un privilegio particolare che, senza dubbio, ha una valenza promozionale di grande rilievo per la nostra Regione e per la famiglia Alpina Valdostana guidata da Carlo Bionaz. Le Penne Nere si sono infatti riunite nell’Auditorium del Pavillon, poi, grazie alle favorevoli condizioni meteo, sono saliti tutti nello spettacolare Belvedere di Punta Helbronner. Il cielo leggermente velato non ha impedito che gli occhi si riempissero delle immagini del maestoso Monte Bianco.., della Cresta di Peuterey.. della Tour Ronde… del Dente del Gigante…. Cime, spigoli, vette, pareti che costituiscono uno straordinario patrimonio storico dell’alpinismo. Tutto questo è stato offerto ai massimi vertici dell’Ana da una Sky Way alla quale va il nostro ringraziamento! Tra i punti all’ordine del giorno non poteva mancare quello relativo alla situazione sanitaria attuale che richiede sempre una presenza costante ed attenta sul territorio. In tutta Italia operano migliaia di volontari che supportano, in una perfetta sinergia, le forze della Protezione Civile dell’Ana e quelle dell’Esercito. Un particolare riferimento è stato rivolto al Generale degli Alpini Francesco Paolo Figliuolo, la cui presenza ai vertici di un settore nevralgico come quello delle vaccinazioni, è motivo di grande orgoglio per gli Alpini. All’orizzonte ci sono alcune iniziative di carattere Nazionale che, con un importante coinvolgimento politico, potranno segnare un momento fondamentale per l’Associazione. Ma è ancora prematuro entrare nei dettagli. Durante la permanenza nella nostra Regione c’è stato anche lo spazio per un incontro istituzionale con il Presidente del Governo Valdostano, Erik Lavevaz, un alpino ma questa volta senza il cappello e con Matteo Spreafico, Generale Comandante del Centro Addestramento. Entrambi hanno ribadito come la presenza di oltre 70 gruppi sul territorio Valdostano rappresenti una preziosa risorsa umana con la quale gli Alpini in Armi interagiscono e collaborano da sempre. Il Presidente Carlo Bionaz era visibilmente soddisfatto: “Sono stati due giorni molto intensi, preceduti peraltro da un lavoro di preparazione che i miei collaboratori hanno svolto con la solita solerzia ed efficacia. Grazie a loro tutti e al Gruppo di Courmayeur perché ancora una volta abbiamo dimostrato che per gli Alpini, non esiste l’impossibile.” A metà luglio una folta Delegazione andrà a Rimini per una attesa Assemblea Nazionale che fisserà i tempi e termini per la prossima Adunata Nazionale, in programma proprio nella città romagnola da giovedì 5 a domenica 8 maggio 2022.
Carlo Gobbo

LA PROSSIMA 93^ ADUNATA
si terrà a RIMINI
da Giovedì 5 a Domenica 8 MAGGIO 2022

La Banca della Sezione Valdostana
Alpin Valdoten nr 198 periodo Maggio-Luglio 2021
Ventennale di ristrutturazione della cappella di Rodoz
Luglio 2021 - Breuil-Cervinia commemorazione del Btg Monte Cervino
Protezione Civile
Esercitazione Rapy

Anna  Fosson la nuova  Amica degli Alpini

26 gennaio, Settimana della Memoria e del Sacrificio Alpino



Nuovo Coordinamento Sezione Protezione Civile ANA VdA


VIDEO DEGLI ALPINI



Centro Addestramento Alpino di Aosta   
                  di Gianfranco Ialongo (2016)
La Memoria dell'Aosta
di Gianfranci Ialongo
La Grande Guerra del Battaglione Aosta
          di Gianfranco Ialongo
Torna ai contenuti