ANA Sezione Valdostana

Vai ai contenuti
100 Anni della Sezione di Bassano del Grappa
Questo fine settimana una rappresentanza della nostra Sezione ha partecipato alle celebrazioni per festeggiare i cento anni della Sezione di Bassano del Grappa e contestualmente all’inaugurazione del Ponte degli Alpini messo a nuovo dopo la ristrutturazione conclusasi qualche mese fa.
L’inaugurazione avviene in una data simbolica perché nel dopoguerra, proprio il 3 ottobre 1948, il Ponte venne ricostruito per volontà degli alpini e inaugurato alla presenza dell’allora Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi.
I nostri Alpini guidati dal nostro Presidente Carlo Bionaz e dal Vicepresidente Vicario Bruno Rollandoz nei giorni scorsi hanno preso parte anche alle celebrazioni al Sacrario di Cima Grappa.


Ritorno sul Pasubio
Ricordare un amico Alpino, che prematuramente il 15 agosto 2018 è "andato avanti", è stato quello che lo scorso 28 settembre si è voluto fare. Alcuni Ufficiali e Sottoufficiali del Centro Addestramento Alpino, amici, Alpini valdostani, vicentini e trentini, si sono recati sul Monte Pasubio nei pressi della sella che separa il Dente Italiano dal Dente Austriaco, per posare un ricordo, una lapide. Qui, cento anni fa si combatté duramente, qui il Battaglione Aosta fu protagonista nel 1916 in quelle che furono definite "Le battaglie del Pasubio". Molti furono i soldati che morirono. Beltricco, Cioja, Mongino, Atzori, Calderoni, Fantozzi, Urli... questi sono solo alcuni dei circa 300 che da qui non tornarono!
Francesco Marchesani, primo maresciallo del Centro Addestramento Alpino, amava essere un soldato, amava conoscere la Storia e a questa si era prestato nella cura dell'area museale dedicata al Battaglione Aosta. Da anni frequentava il Pasubio nei periodi delle commemorazioni, dei pellegrinaggi, partecipando attivamente nella conoscenza e nella comprensione degli avvenimenti bellici in loco. Così, si è voluto lasciare una sua traccia la dove egli si adoperava nel ritrovare reperti e cimeli di altri Alpini, di altri soldati di quel Reparto a cui lui stesso apparteneva... l'Aosta!
G. Ialongo


Torna ai contenuti